Post con tag Recovery

Modifica Custom Firmware 3.55 su PS3 FAT/Slim

Dopo accurati test delle varie versioni uscite nelle ultime settimane, compreso l’ottimo CFW di Hermes 3.41 con Payload software, mettendo a confronto caratteristiche peculiari e rapporto rischi/beneficio, finalmente ho ottimizzato le tecnologie disponibili al punto da decidere di rendere disponibile anche questo nuovo servizio, e come sempre a condizioni davvero concorrenziali.

Il nuovo Servizio nel dettaglio:

1) Aggiornamento della console al OFW 3.55 Sony

2) Installazione delle caratteristiche di Lv1 e Lv2 Peak & Poke e CFW ottimizzato basato sulle migliori tecnologie disponoibili, compatibile con Payload software di Kmeaw base con Syscall 36.

3) Installazione e configurazione dei migliori Manager per i Backup PS3, Server OpenFTP e Media Player ottimizzato per leggere e convertire in H264 i nostri amati BlueRay preservandoli da graffi e usura, il tutto direttamente su PS3 sfruttando l’ottima CPU Cell. della nostra PS3.

Tutti i Software lavorano sulle stesse cartelle, e la console viene riconsegnata pronta per giocarci e visionarci i nostri file video preferiti, disponibile anche un Pack di emulatori delle console storiche, e il software necessario a gestire l’inserimento di games con singoli file più grandi dei 4 Giga via FTP direttamente sul disco interno della console, dato che su Hard-Disk USB FAT32 non sarebbe possibile copiarli a causa delle limitazioni di questo ormai obsoleto file-system.

La particolare funzionalità Auto-fix dei permessi PL3 implementata direttamente nel Payload assicura la massima compatibilità, forse migliore che con il precedente metodo basato su Payload da Key USB, grazie all’intenso lavoro di sviluppo operato dai vari hacker della scena PS3 concentratissimi sull’implementazione di funzioni speciali nei loro Payload, in grado di far girare anche giochi prima rognosi se non impossibili.

————————————————————————————

Modifica PS3 con 3.55 con Soft Payload

Tempo necessario: 2 ORE

Costo “Chiavi in mano”: 35€

————————————————————————————

P.S. Riguardo ai giochi impossibili da avviare, come Modern Warfare 2 per citarne uno, il nuovo Payload è stato inglobato e perfezionato in Multiman 1.15.xx quindi basta installarlo, e avviare il gioco parcheggiandolo su disco USB (su interno non andrebbe!) tramite la combinazione Select+X e avendo cura di lasciare nel drive della PS3 un BD-ROM originale di un gioco qualsiasi.

Scarica Multiman 1.15.02Link (Ricordare Select + X e un Gioco Originale dentro la PS3)

Scarica il nuovo Multiman 2.09.02b con BDEMU V2Link (Ottobre 2011)

Riparazione PS3 con Reflow Professionale a Parma

Dato il sempre più grande numero di persone che mi contattano per l’odioso problema che affligge i primi modelli di PS3, ovvero i fatidico YLOD ovvero il “Led Giallo della Morte” che spesso in realtà è poi rosso, dato che subito dopo l’accensione, diventa si giallo, ma solo per un secondo dopo di che la console si spegne per autoprotezione.

Questo nuovo servizio comporta la presa in carico della console, che verrà smontata e pulita dall’accumulo di polvere, primaria causa del surriscaldamento eccessivo che porta dopo mesi di uso in queste condizioni, specie nei primi modelli a cuocere letteralmente la GPU e il CELL BE che alla fine con il deteriorarsi della pasta termo-conduttiva vedono cedere una o più saldature a pallina di stagno che connettono le loro interconnessioni con le piazzole di interconnessione della scheda madre.

Questo fenomeno non è totalmente cagionato dalla sporcizia che porta le alette di dissipazione a non dissipare più correttamente il calore con il solo flusso dell’aria mandata in circolo dalla ventola elicoidale montata al centro di un sifone di alette in alluminio a cui il calore viene passato dalle pompe di calore in rame poste in modo da spostare il calore generato dalle calotte di CPU e GPU grazie alla pasta termoconduttiva.


La nota dolente è proprio la pasta termo-conduttiva usata dalla Sony, a dir poco scadente di infima qualità e totalmente inadatta all’uso.. Trattasi di pasta bianca poco performante sia nella trasmissione del calore che nella durata nel tempo, tanto che dopo tot ore di esercizio il calore, non più dissipato in alcun modo si concentra a tal punto sui chip stessi da cagionare lo scioglimento delle saldature più e più volte sino a rendere lo stagno lead free non più conduttivo proprio a causa del numero eccessivo di passaggi di stato, che data la mancanza di piombo miscelato fatica a risaldarsi correttamente.

Una volta ripulita dalla polvere, viene rimossa la pasta termo-conduttiva scadente usata da Sony e viene effettuato un Reflow completo sia di CPU e GPU che, seppur in maniera molto rapida e blanda, dei vari chip di memoria, del South-Bridge e delle varie interconnessioni che spesso sono parte del problema o potrebbero portarne in futuro.

Una volta portati entrambi le  “cover plate” di CPU e GPU a una temperatura attorno ai 240 C° viene lasciato raffreddare per un tempo consono, e viene spalmata un’ottima pasta termo-conduttiva della miglior qualità, con ioni di argento puro al 99% in una miscela olio-siliconica che ne lascia invariate le caratteristiche di temo-conduttività ma ne blocca interamente invece quelle di conduttività elettrica cosi da poter anche eccedere senza rischio di cortocircuiti.

Rimontata la PS3 questa funzionerà molto meglio di prima (ovviamente a livello interno) e date le caratteristiche della pasta termo-conduttiva, raggiungerà la massima ottimizzazione della trasmissione di calore dopo circa 40-60 giorni per mantenere le caratteristiche ottimali di termo-conduzione per ben 8 anni, tempo garantito dal produttore.

Come tutte le mie riparazioni, la console per considerarsi riparata deve superare le 24 ore di lavoro ininterrotto, essendo questa fase inframmezzata da spegnimenti / raffreddamenti e riaccensioni può durare a seconda dei periodi anche 2 giorni, ne consegue che i tempi di riparazione sono di 4-5 giorni.

Novità anche nel Servizio di riparazione console, ora sia nelle XBOX360 affette dai 3 Led Rossi & E74 che sulle PS3 con YLOD è incluso senza aggravio il servizio FanSpeed, ovvero la velocizzazione controllata della ventilazione, in modo da aumentare il flusso d’aria passante tra i dissipatori senza necessariamente rendere insopportabile il rumore, in pratica vengono settate al 65% fisso, permettendo anche dopo svariate ore di avere console appena tiepide all’interno, sempre attorno se non sotto i 60 C°.

Questo allunga esponenzialmente la durata della riparazione, al punto che una volta riparate vanno meglio di quando son nuove, grazie all’uso del flussante no-clean le saldature si ricompattano alla perfezione garantendo una qualità della riparazione non dissimile dal Reballing (quello vero, non quello delle chicchiere proposto magari a cifre ridicole) e la pasta garantita dal produttore per una durata ottimale di ben 8 anni, una volta superati i 60-70 giorni di lavoro intenso necessari alla cementificazione ottimale della pasta stessa, la console può ripresentare il problema solo se messa in forno o sotto il sole estivo d’Agosto accesa per una giornata.. cosa fattibile, ma non probabile ;) (almeno si spera)

Riparazione PS3 YLoD: 70€

Tempi di esecuzione: 4-5 giorni

N.B. Qualora la causa del problema fosse riconducibile ad altre problematiche, come nel caso del led giallo che spesso è legato a malfunzionamento dell’hard-disk, se non riconosciute immediatamente in fase di accettazione, verrà preso contatto e concordata una soluzione alternativa, in caso di mancato successo nulla è dovuto.

Acronis

Set di Ripristino

Web-MasterL’opzione “Set di Ripristino” comprende il software Acronis True Image in comodato d’uso, che permette di aggiornare il Set con le ultime modifiche apportate al sistema, pur mantenendo la possibilità di ripristinare allo stato iniziale tramite il Backup Totale fornito da me al momento della riconsegna su supporto ottico (DV-ROM+R DL) e nella “Secure Zone” propio come nei computer delle marche sopra citate, ripeistinabile semplicemente premendo un tasto surante l’avvio della macchina e seguendo semplici istruzioni in lingua italiana.

La “Secure Zone” è una zona del disco che viene ricavata stringendo un po (a scelta dell’utente) lo spazio utilizzabile sul disco fisso del computer, dove viene stipata l’immagine di ripristino completa e successive aggiunte, lontano da occhi indiscreti e da possibili manomissioni casuali, nella stessa si possono parcheggiare temporaneamente tutti i cambiamenti, utilizzando l’apposita funzione presente sul PC alla riconsegna, apportati al sistema operativo durante chessò una navigazione internet pericolosa, un’installazione di software per fare delle prove o altro… Al riavvio se l’utente non acconsente alla scrittura reale dei dati nel sistema, vengono scaricati e una volta riavviata la macchina torna come era prima di iniziare, nessun danno o cambiamento è più presente.

Recovery TimeUn altra utile funzione è la possibilità di salvare parti del sistema o cartelle particolari con pochi click, magari prima di prestare il PC a qualcuno a cui non se ne vuol far vedere i contenuti, criptandoli e proteggendoli con Password a forte criptatura AES, parcheggiandoli su una chiavetta USB o nella Secure Zone, lontano da occhi indiscreti, per poi rimetterli al loro posto con la stessa facilità una volta che lo si vuole, è pur sempre presente comunque un’apposita opzione nelle mie installazione, ottenuta modificando appositi file nel sistema che permette di criptare e quindi rendere inaccessibile una cartella a chiunque (alle alle forze dell’ordine per dire…) semplicemente cliccando nell’apposita opzione presente nel menù contestuale, e decrittarle allo stesso modo e con la stessa facilità, ma “Celare” è sempre meglio che Spiegare…